C'era una volta, là/ dalle parti di Chissà,/ il paese dei bugiardi./ In quel paese nessuno/ diceva la verità,/ non chiamavano col suo nome/ nemmeno la cicoria:/ la bugia era obbligatoria./ Quando spuntava il sole/ c'era subito uno pronto/ a dire: "Che bel tramonto!"/ Di sera, se la luna/ faceva più chiaro/ di un faro,/ si lagnava la gente:/ "Ohibò, che notte bruna,/ non ci si vede niente"./ Se ridevi ti compativano:/ "Poveraccio, peccato,/ che gli sarà mai capitato/ di male?"/ Se piangevi: "Che tipo originale,/ sempre allegro, sempre in festa./ Deve avere i milioni nella testa"./ Chiamavano acqua il vino,/ seggiola il tavolino/ e tutte le parole/ le rovesciavano per benino./ Fare diverso non era permesso,/ ma c'erano tanto abituati/ che si capivano lo stesso. / Un giorno in quel paese/ capitò un povero ometto/ che il codice dei bugiardi/ non l'aveva mai letto,/ e senza tanti riguardi/ se ne andava intorno/ chiamando giorno il giorno/ e pera la pera,/ e non diceva una parola/ che non fosse vera. / Dall'oggi al domani/ lo fecero pigliare/ dall'acchiappacani/ e chiudere al manicomio./ "E' matto da legare:/ dice sempre la verità"./ "Ma no, ma via, ma và ..."/ "Parola d'onore:/ è un caso interessante,/ verranno da distante/ cinquecento e un professore/ per studiargli il cervello ..."/ La strana malattia/ fu descritta in trentatre puntate/ sulla "Gazzetta della bugia"./ Infine per contentare/ la curiosità popolare/ l'Uomo-che-diceva-la-verità/ fu esposto a pagamento/ nel "giardino zoo-illogico"/ (anche quel nome avevano rovesciato ...)/ in una gabbia di cemento armato./ Figurarsi la ressa./ Ma questo non interessa./ Cosa più sbalorditiva,/ la malattia si rivelò infettiva, / e un po' alla volta in tutta la città/ si diffuse il bacillo/ della verità./ Dottori, poliziotti, autorità/ tentarono il possibile/ per frenare l'epidemia./ Macché, niente da fare./ Dal più vecchio al più piccolino/ la gente ormai diceva/ pane al pane, vino al vino,/ bianco al bianco, nero al nero:/ liberò il prigioniero,/ lo elesse presidente,/ e chi non mi crede/ non ha capito niente.


(Gianni Rodari, Il paese dei bugiardi, Le favole a rovescio).

venerdì 9 settembre 2011

UGDA E ASS. ANIMALISTA ARONNE INSIEME PER UN CANE INCIDENTATO DA MANDARE AL NORD.....


In data 8 settembre u.s. alle 18.56 il comitato Ugda ha pubblicato sulla sua bacheca in facebook la nota che segue con la storia di un povero cane col bacino rotto....

a questa nota di Ugda ha fatto seguito quella di Elena Maria Caligiore, 8 settembre u.s. alle ore 20.03



NOTARE LA ZAMPETTA SINISTRA!! E SOPRATUTTO NOTARE COME VIENE RICCAMENTE RIFOCILLATO E DISSETATO UN CANE CHE DICONO SIA STATO TUTTO IL GIORNO SOTTO IL SOLE!!
BACINO ROTTO?
IL CAGNETTO!
OGGI 9 -O9-2011
LA NOTA DELL'UGDA  SUL CANE INCIDENTATO NELL'AGRIGENTINO E' STATA  MODIFICATA  E LA VERSIONE ADESSO E' DIVERSA ,IL CANE NON HA IL BACINO ROTTO E QUINDI PER PORTARLO AL NORD NON SARANNO SCOMODATI I PILOTI  EROI DELL'ALITALIA, NON SARA' UN CASO COME QUELLO DI DREAM E DI AURORA!!

Ora la nota Ugda è come segue
Nella seconda versione, il cane addirittura stà bene, ma non cambia la richiesta di denaro da effettuare sul conto di Ugda o sulla postepay di Paola Suà, denaro che poi sarà dato alla associazione Aronne di Agrigento.  Intanto è confermata la possibilità di stallare o adottare il cane al nord.

L'associazione Animalista Aronne è su facebook ed ha una sua postepay ma la raccolta di denaro la fà Ugda sia sul conto del comitato che sulla postepay di Paola Suà
La segnalazione è fatta sulla bacheca in facebook dell'associazione Aronne il giorno 7 settembre alle 11.55 ed il giorno 8 alle 15,08 Jessica Vecchio dà la notizia che il cane è stato soccorso e per quanto si legge qui, la vicepresidente Ugda Annalisa de Luca Cardillo, ha solo chiesto perchè non fossero stati contattati asp, vigili e carabinieri del posto.
Lo stesso giorno 8 settembre alle 19 nella prima nota Ugda riportata all'inizio, si legge che: "è stato rifocillato e si sono tentate le varie strade che di solito si percorrono...Polizia Municipale, Carabinieri, ASP... fino a tarda notte...nessuno reperibile..Naturalmente la sottoscritta denuncerà tutti per omissione d'atti d'ufficio e mancato soccorso"......PER POI RAPIDAMENTE MODIFICARE: "LA POLIZIA DI STATO CHE CHIAMAVA INSIEME A ME".....NEPPURE QUESTO DELLA PRIMA VERSIONE, CORRISPONDEVA AL VERO, MA ERA  UTILE A DIFFAMARE LE FORZE DELL'ORDINE DICHIARATE ASSENTI E FORSE AD ILLUDERSI DI FARE COSI' UNA GRANDE FIGURA.
Interessante anche la dichiarazione della ass. Aronne che si rappresenta come "quattro disperati" ormai arrivati economicamente e fisicamente.
Sulla bacheca dell'ass.Aronne, la Cardillo pare di casa e risponde chiarendo, sulla possibile destinazione di cani dell'associazione non Ugda, non LIDA ma Aronne
L'associazione Aronne, formata a loro dire da quattro gatti ormai senza forze, ma certo non sprovveduti, ha un sito bilingue italiano-tedesco e moduli di adozione pronti in lingua tedesca http://www.associazionearonne.it/
MODULO DI ADOZIONE
e il povero cagnolino col bacino rotto ma che ora miracolosamente stà bene, è già pronto per lo stallo o l'adozione, nonostante le sue condizioni NATURALMENTE ANCHE AL NORD, DALA SICILIA FIN DOVE? 
SE SARA' "ADOTTATTOOOOOO" DI QUALE NORD SARA' OSPITE? SE NON SARA' IN BUONA FORMA L'ASL DARA' IL CONSENSO AL SUO SPOSTAMENTO? IL SUO NUMERO DI CHIP SARA' MAI PUBBLICATO? VEDREMO, SEGUIREMO LA STORIA CON ATTENZIONE....

4 commenti:

  1. maria elena caligiore9 settembre 2011 22:55

    Più leggo le note dell'UGDA ,più mi rendo conto che la gente si spaccia per ciò che non è!
    Dice di fare e non fà!
    Insulta e diffama le Forze dell'Ordine indistintamente: ci sono, non ci sono, rispondono, non rispondono, sono presenti i carabinieri dal mattino fino a sera tardi e prima aveva scritto che non erano andati.
    Il cane, intanto e nonostante lo abbia prelevato il Presidente dell'Associazione Aronne , dicono di averlo portato dal veterinario disposto a tenerlo a pagamento e pare che gli devono pure essere grati! ma? Quale veterinario? Non si può dire!
    Segreto di Stato!
    Mi sembra di assistere ad un film tra il comico ed il drammatico(comico ciò che dicono e non fanno i volontari e l'UGDA, drammatico per la sorte del cane).
    Non capisco perchè appena si trova un cane con un piccolo o grande problema deve per forza partire per il nord.
    Ma al Nord avvengono i miracoli?
    I cani guariscono improvvisamente?
    Seguiremo la vicenda, ne stia certa l'UGDA!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ,con alcune volontarie di brindisi, abbiamo avuto una brutta esperienza con UGDA proprio in questi ultimi mesi...sono entrati nel canile di Brindisi e da quello che leggo non mi è nuovo nulla... anche i cani più disastrati dovevano partire al nord, cani che non potevano affrontare viaggi per andare in rifugi o stalli quando qui a brindisi avemo trovato per loro stalli gratuiti e ci sono veterinari bravi e competenti per curarli , con prezzi sicuramente più bassi del nord... e ci siamo rifiutate e da li abbiamo e stiamo passando l'inferno.... ma se ci uniamo possiamo distruggerli...

      Elimina
  2. maria elena caligiore12 settembre 2011 00:42

    L'Associazione Animalista Aronne Onlus di Agrigento risulta iscritta all'Albo Regionale delle Associazioni animaliste nella sez.B con decreto 2423 del 20/12/2002, legale rappresentante Daina M. Immacolata.

    Il suddetto Albo purtroppo non è stato più aggiornato e l'ultimo aggiornamento risulta essere del 31 gennaio 2008.
    L'asociazione Aronne risulta come associazione Onlus e quindi ha l'obbligo di pubblicare il Bilancio ed essendo iscritta all'Albo regionale suddetto può accedere a finanziamenti regionali per progetti relativi all'argomento, ad esempio lotta al randagismo, sterilizzazioni, ed altro.
    Le associazioni iscritte alla sez. B dopo due anni di attività documentata ed inviata alla Regione sicilia possono gestire un canile ed aprirne uno ex -novo!!!
    Mi riesce incomprensibile il modulo di adozione in tedesco ed anche il sito in tedesco, evidentemente in Italia c'è un particolare feeling con la Germania nel campo animali randagi!
    I tedeschi che vengono in Sicilia come turisti possono quindi adottare con molta facilità un cane siciliano e per fare ciò si rivolgono direttamente all'associazione Aronne dove qualcuno certamente parla tedesco e puo' fare "seduta stante" il preaffido e la compilazione della scheda(sic!)

    RispondiElimina
  3. Eh bhè!! che si fà se c'è un cane che rischia l'avvelenamento?? UN VERSAMENTO SULLA POSTPAY NO????

    il NORD è come lourdes per i randagi!!!!!!

    RispondiElimina