C'era una volta, là/ dalle parti di Chissà,/ il paese dei bugiardi./ In quel paese nessuno/ diceva la verità,/ non chiamavano col suo nome/ nemmeno la cicoria:/ la bugia era obbligatoria./ Quando spuntava il sole/ c'era subito uno pronto/ a dire: "Che bel tramonto!"/ Di sera, se la luna/ faceva più chiaro/ di un faro,/ si lagnava la gente:/ "Ohibò, che notte bruna,/ non ci si vede niente"./ Se ridevi ti compativano:/ "Poveraccio, peccato,/ che gli sarà mai capitato/ di male?"/ Se piangevi: "Che tipo originale,/ sempre allegro, sempre in festa./ Deve avere i milioni nella testa"./ Chiamavano acqua il vino,/ seggiola il tavolino/ e tutte le parole/ le rovesciavano per benino./ Fare diverso non era permesso,/ ma c'erano tanto abituati/ che si capivano lo stesso. / Un giorno in quel paese/ capitò un povero ometto/ che il codice dei bugiardi/ non l'aveva mai letto,/ e senza tanti riguardi/ se ne andava intorno/ chiamando giorno il giorno/ e pera la pera,/ e non diceva una parola/ che non fosse vera. / Dall'oggi al domani/ lo fecero pigliare/ dall'acchiappacani/ e chiudere al manicomio./ "E' matto da legare:/ dice sempre la verità"./ "Ma no, ma via, ma và ..."/ "Parola d'onore:/ è un caso interessante,/ verranno da distante/ cinquecento e un professore/ per studiargli il cervello ..."/ La strana malattia/ fu descritta in trentatre puntate/ sulla "Gazzetta della bugia"./ Infine per contentare/ la curiosità popolare/ l'Uomo-che-diceva-la-verità/ fu esposto a pagamento/ nel "giardino zoo-illogico"/ (anche quel nome avevano rovesciato ...)/ in una gabbia di cemento armato./ Figurarsi la ressa./ Ma questo non interessa./ Cosa più sbalorditiva,/ la malattia si rivelò infettiva, / e un po' alla volta in tutta la città/ si diffuse il bacillo/ della verità./ Dottori, poliziotti, autorità/ tentarono il possibile/ per frenare l'epidemia./ Macché, niente da fare./ Dal più vecchio al più piccolino/ la gente ormai diceva/ pane al pane, vino al vino,/ bianco al bianco, nero al nero:/ liberò il prigioniero,/ lo elesse presidente,/ e chi non mi crede/ non ha capito niente.


(Gianni Rodari, Il paese dei bugiardi, Le favole a rovescio).

venerdì 7 gennaio 2011

CANI USATI PER IL TRAFFICO DI COCAINA

video

Nell'articolo che segue, la cronaca del rinvenimento di 4.550 gr. di cocaina nel corpo di 6 cani, che sono vissuti per mesi con queste grosse capsule nell'addome. E' infatti necessario che dopo il loro inserimento, il pelo ricresca così da nascondere perfettamente l'intervento subito. Questi sei cani, come tanti altri, avranno sofferto non poco in quelle condizioni e nelle mani di gente  totalmente incurante nei loro confronti, ma sono stati fortunati per l'intervento della polizia, e sono sopravvissuti. 
La domanda è: gli sfortunati che dopo il maltrattamento e lo sfruttamento incontrano solo la morte, e certo non una morte piena di attenzioni, quanti sono? E soprattutto, quanti saranno ancora?
Altra domanda e questa decisamente assurda:  vedendo che nel filmato è ad un cane femmina che sono state inserite le capsule, chissà se mentre inserivano le stesse nel suo nell'addome, la disgraziata è stata anche amorevolmente sterilizzata per aiutare a risolvere il problema del randagismo?

Smantellato una rete di cani utilizzati per il traffico di cocaina

     Nella operazione chiamata "Meige" sono state arrestate 13 persone, 9 di nazionalità colombiana, 2 e 2 spagnolo venezuelano
     La droga era stata nascosta all'interno del corpo di 6 cani che dovevano essere chirurgicamente
     Questo è un nuovo metodo per l'introduzione dei farmaci attraverso gli aeroporti


Guardia Civil, in collaborazione con la Polizia nazionale in seno all'operazione denominata "Meige" che si svolge nelle province di Madrid e Malaga hanno arrestato 13 membri di una rete dedicata al traffico di cocaina e ha coinvolto più di 4 «5 chili camuffato della sostanza all'interno del corpo dei cani.
Sono state coinvolte quasi 1,5 chili della stessa sostanza, utile per la gestione della droga, 18 telefoni cellulari, quattro veicoli, più di 20.000 euro in contanti e numerosi documenti analizzati.
L'operazione è iniziata alla fine dello scorso febbraio, quando la Guardia Civil aveva prima che la prova che ha sottolineato l'esistenza di diverse persone che potrebbero essere coinvolti nel traffico di cocaina in varie parti della provincia di Malaga.
Ulteriori indagini hanno permesso di identificare alcune di queste persone di nazionalità colombiana, è stata fondata come dispositivi di monitoraggio e sorveglianza al fine di individuare tutti i membri dell'organizzazione criminale.
Il risultato di questo dispositivo, la Guardia Civil è consapevole l'arrivo all'aeroporto di Barajas su un volo dalla Colombia, con una partita di cocaina nascosti in più spedizioni dichiarate come animali vivi.
Poi, come le spedizioni commerciali sono intercettati e verificato la sussistenza di sei gabbie in cui sono stati molti cani, una volta esaminati si è riscontrato che vi erano tutte le droghe.
Per questo motivo, abbiamo scelto di effettuare lastre radiologiche per i cani, che ha rivelato l'esistenza di corpi estranei dalla cavità addominale, quindi chi ha subito un intervento chirurgico per procedere alla rimozione di 49 bombole di lattice rivestite con contenenti 4.550 grammi di cocaina di elevata purezza.
Tutti gli animali sono sopravvissuti intervento chirurgico e sono stati ricoverati in un rifugio per animali a Madrid nel monitoraggio post-operatorio, che vengono recuperati con successo.
Più tardi, la Guardia Civil ha proceduto con l'arresto dei seguenti membri della rete:
- In Barajas: AAGC, 26 anni, e FCP, 40 anni, di nazionalità spagnola. Jdoe, 35, GRG, 48, RMG, 37 anni, un cittadino colombiano, e MOMM, 34 anni, del Venezuela e della Colombia a Madrid subalterno AUTO, 49 anni, quando si cerca di rimuovere gli animali.
- Nella città di Leganés (Madrid): Jebb, 29 anni, venezuelano e il suo partner NPGG, 35 anni, di nazionalità colombiana, come i principali responsabili per la rete.
- A Malaga: LDGS, 55, MGOB, 30, SAAC, 23, e ASRM, 31 anni, tutti anche dalla Colombia.
MODUS OPERANDI
La rete a maglie larghe con il metodo di occultamento del corpo dei cani, perché era poco conosciuto fino ad ora, rendendo il rilevamento da parte delle autorità doganali.
Questo metodo comporta l'introduzione dei cilindri di cocaina nell'addome del cane attraverso una piccola incisione, e poi chiuse con punti di sutura.
Una volta che la ferita era guarita ed aveva ricresciuti i capelli (da uno a tre mesi), sono stati inviati per via aerea verso il paese di destinazione della droga.
La ricerca è stata effettuata da membri della Guardia Civil Team criminalità organizzata e della Drug Enforcement (EDOA), del Comandante di Malaga e la Polizia Giudiziaria del Gruppo di Barajas, in collaborazione con il Gruppo II della UDYCO Manchester Police Station.
L'operazione è ancora aperto e ulteriori arresti non sono escluso.
Ci sono immagini dell'operazione a disposizione dei media che desiderano presso la Direzione Generale della Guardia Civil (C / Guzmán el Bueno 110).
Per ulteriori informazioni, contattare l'Ufficio periferico di comunicazione della Guardia Civil a Malaga al telefono 952 071 539


Desarticulada una red que utilizaba a perros para el tráfico de cocaína
     En la denominada operación “MEIGA”, han sido detenidas 13 personas, 9 de nacionalidad colombiana, 2 venezolanos y 2 españoles
     La droga venía oculta en el interior del organismo de 6 perros que tuvieron que ser intervenidos quirúrgicamente
     Se trata de un nuevo método para la introducción de droga a través de los aeropuertos


La Guardia Civil, en colaboración con el Cuerpo Nacional de Policía, en la denominada operación “MEIGA” llevada a cabo en las provincias de Madrid y Málaga, ha detenido a 13 integrantes de una red dedicada al tráfico de cocaína y ha intervenido más de 4’5 kilos de esta sustancia camuflada en el interior del organismo de perros.
Igualmente, se han intervenido casi 1’5 kilos de la misma sustancia, útiles para la manipulación de la droga, 18 teléfonos móviles, cuatro vehículos, más de 20.000 euros en metálico y numerosa documentación que está siendo analizada.
La operación se inicio a finales del pasado mes de febrero, cuando la Guardia Civil dispuso de indicios que apuntaban la existencia de diversas personas que pudieran estar implicadas en el tráfico de cocaína en distintas localidades de la provincia de Málaga.
Posteriores investigaciones permitieron identificar a algunas de estas personas de nacionalidad colombiana, por lo que se establecieron unos dispositivos de seguimiento y vigilancia con el objetivo de identificar a la totalidad de los integrantes de la organización delictiva.
Fruto de este dispositivo, la Guardia Civil tiene conocimiento de la llegada al Aeropuerto de Barajas de un vuelo procedente de Colombia, con una partida de cocaína oculta en varios envíos declarados como animales vivos.
Seguidamente, se intercepta dichos envíos comerciales y se comprueba la existencia de seis jaulas en las que se encontraban otros tantos perros, que una vez examinadas se comprobó que no había droga alguna.
Por este motivo, se optó por realizar unas placas radiológicas a los perros, que se desvelaron la existencia de cuerpos extraños fuera de la cavidad intestinal, por lo que fueron sometidos a una intervención quirúrgica para proceder a la extracción de 49 cilindros recubiertos de látex que contenía 4.550 gramos de cocaína de gran pureza.
Todos animales sobrevivieron a la intervención quirúrgica y fueron ingresados en un centro de acogida de animales de Madrid en vigilancia post-operatoria, donde se recuperan satisfactoriamente.
Mas adelante, la Guardia Civil procedió a la detención de los siguientes integrantes de la red:
- En el Aeropuerto de Barajas: A.A.G.C., de 26 años de edad, y F.C.P, de 40, de nacionalidad española. J.P.E.R., de 35, G.R.G., de 48, R.M.G., de 37, de nacionalidad colombiana, y M.O.M.M., de 34, de Venezuela; y en Madrid la súbdita colombiana C.A.R., de 49, cuando se disponían a retirar los animales.
- En la localidad de Leganés (Madrid): J.E.B.B., de 29 años, de nacionalidad venezolana y su compañera N.P.G.G., de 35, de nacionalidad colombiana, como principales responsable de la red.
- En Málaga: L.D.G.S., de 55 años, M.G.O.B., de 30, S.A.A.C., de 23, y A.S.R.M., de 31, todos ellos también de nacionalidad colombiana.
MODUS OPERANDI
La red desarticulada utilizaba el método de ocultación en el organismo de perros, ya que resultaba poco conocido hasta el momento, dificultando ser detectados por las Autoridades aduaneras.
Este método consiste en la introducción de los cilindros de cocaína en la región abdominal del perro, mediante una pequeña incisión, para posteriormente cerrarla mediante sutura.
Una vez que la herida había cicatrizado y les había vuelto a crecer el pelo (entre uno y tres meses), eran enviados vía aérea hasta el país de destino de la droga.
Las investigaciones han sido llevadas a cabo por efectivos de la Guardia Civil del Equipo de Delincuencia Organizada y Antidrogas (EDOA) de la Comandancia de Málaga y del Grupo de Policía Judicial del Aeropuerto de Barajas, en colaboración con el Grupo II de la UDYCO de la Comisaría de Policía de Málaga.
La operación continua abierta y no se descartan nuevas detenciones.
Existen imágenes de la operación a disposición de los medios que los deseen en la Dirección General de la Guardia Civil (C/ Guzmán el Bueno 110).
Para más información pueden establecer contacto con la Oficina periférica de Comunicación de la Guardia Civil de Málaga en el teléfono 952 071 539

http://www.guardiacivil.org/prensa/notas/noticia.jsp?idnoticia=1500

Nessun commento:

Posta un commento