C'era una volta, là/ dalle parti di Chissà,/ il paese dei bugiardi./ In quel paese nessuno/ diceva la verità,/ non chiamavano col suo nome/ nemmeno la cicoria:/ la bugia era obbligatoria./ Quando spuntava il sole/ c'era subito uno pronto/ a dire: "Che bel tramonto!"/ Di sera, se la luna/ faceva più chiaro/ di un faro,/ si lagnava la gente:/ "Ohibò, che notte bruna,/ non ci si vede niente"./ Se ridevi ti compativano:/ "Poveraccio, peccato,/ che gli sarà mai capitato/ di male?"/ Se piangevi: "Che tipo originale,/ sempre allegro, sempre in festa./ Deve avere i milioni nella testa"./ Chiamavano acqua il vino,/ seggiola il tavolino/ e tutte le parole/ le rovesciavano per benino./ Fare diverso non era permesso,/ ma c'erano tanto abituati/ che si capivano lo stesso. / Un giorno in quel paese/ capitò un povero ometto/ che il codice dei bugiardi/ non l'aveva mai letto,/ e senza tanti riguardi/ se ne andava intorno/ chiamando giorno il giorno/ e pera la pera,/ e non diceva una parola/ che non fosse vera. / Dall'oggi al domani/ lo fecero pigliare/ dall'acchiappacani/ e chiudere al manicomio./ "E' matto da legare:/ dice sempre la verità"./ "Ma no, ma via, ma và ..."/ "Parola d'onore:/ è un caso interessante,/ verranno da distante/ cinquecento e un professore/ per studiargli il cervello ..."/ La strana malattia/ fu descritta in trentatre puntate/ sulla "Gazzetta della bugia"./ Infine per contentare/ la curiosità popolare/ l'Uomo-che-diceva-la-verità/ fu esposto a pagamento/ nel "giardino zoo-illogico"/ (anche quel nome avevano rovesciato ...)/ in una gabbia di cemento armato./ Figurarsi la ressa./ Ma questo non interessa./ Cosa più sbalorditiva,/ la malattia si rivelò infettiva, / e un po' alla volta in tutta la città/ si diffuse il bacillo/ della verità./ Dottori, poliziotti, autorità/ tentarono il possibile/ per frenare l'epidemia./ Macché, niente da fare./ Dal più vecchio al più piccolino/ la gente ormai diceva/ pane al pane, vino al vino,/ bianco al bianco, nero al nero:/ liberò il prigioniero,/ lo elesse presidente,/ e chi non mi crede/ non ha capito niente.


(Gianni Rodari, Il paese dei bugiardi, Le favole a rovescio).

martedì 1 febbraio 2011

L'AMICA DI RIETI MI DENUNCIA, CANI IN GERMANIA E STALLI CHE SALTANO

La signora Sarah May, collabora attivamente con Ulmino per i cani di Rieti e le frasi riportate sono scritte nell'omonima bacheca aperta, su facebook.
Considero queste affermazioni diffamatorie perchè le mie sono prove e le bugie saranno problemi di altri che dovranno prima di tutto, chiarire a chi siano venduti i cani italiani in Germania, poi certamente, le stesse persone, saranno anche in grado di documentare le spese che sostengono, tutte le offerte che ricevono questuando ovunque, e gli utili restanti vuoi dalle questue già dette come dalle vendite dei nostri cani.

Ora spiego una volta per tutte che: ogni volta che si pone una merce con un prezzo stabilito dal venditore come quota di denaro fissa per la cessione di tale merce si parla di un PREZZO che corrisponde ad una VENDITA a tutti gli effetti, tant'è che le imprese tedesche che trattano animali, pur  autodefinendosi associazioni animaliste, PER LEGGE DEVONO AVERE LA LICENZA COME DA PARAGRAFO 11, COMMA 1 NO. 3 LETTERA B DELLA LEGGE SULLA PROTEZIONE ANIMALE, PER IL “COMMERCIO PROFESSIONALE DI ANIMALI” e sugli utili, devono superata una cifra che mi pare sia di 17.500 euro, versare l'IVA.


Così chiarisco che le persone che pubblicamente si fanno carico di dire che io mento, che quanto documento dei nostri cani pubblicati con il loro prezzo vicino non è una vendita, che i cani stanno bene, dovranno necessariamente dimostrare le loro affermazioni con documenti attendibili  e accessibili a tutti, cosa ad ora MAI fatta.
Ora l'ultima nota su facebook di Sarah May per i cani di Rieti di cui non capisco bene il senso dato che molti di quelli che elenca sono già in Germania, alcuni di questi in stallo, altri chiaramente in vendita e altri ancora sono già da tempo pubblicati in Germania evidentemente in cerca di adozione.
 Come sempre è tutto documentato.



AGGIORNAMENTO 30.01.2011 - IL CANILE DI
RIETI CHIUDE FRA UN MESE!!! AIUTATECI A
SALVARE 150 CANI...
NB: Non scrivete alla posta di Facebook. Per adozioni, offerte di stallo
e staffette contattate:
BETTY 339-1847914 (dopo le 19) info@ulmino.it
SIMONETTA 333-2229587 (prima delle 13)
QUESTA SETTIMANA è SUCCESSO QUALCHE PICCOLO MIRACOLO: ALCUNI
CANI "DIFFICILI" SONO STATI ACCOLTI ALL'ULTIMO MOMENTO DA VARI
RIFUGI!
DOMANI è L'ULTIMO GIORNO E NOI NON SAPPIAMO ANCORA COSA
SUCCEDERà DOPODOMANI...
A PARTE I COMUNI CHE GIà HANNO CHIESTO DI SPOSTARE I LORO CANI IN
POSTI SICURI, ALTRI STANNO CERCANDO POSTI COME SE DOVESSERO
APPROFITTARE DI UN'OFFERTA "LAST MINUTE", ALTRI ANCORA SI
PREOCCUPANO DI SALVARSI LA FACCIA ARRAMPICANDOSI SUGLI SPECCHI
PER DIMOSTRARE CHE QUESTA SITUAZIONE NON è COLPA LORO MA
CONTINUANO A DRIBBLARE CON FALSA ELEGANZA GLI OBBLIGHI A CUI
DOVREBBERO OTTEMPERARE, E INFINE ALTRI ANCORA TACCIONO A
OLTRANZA.
IL SILENZIO... IL SOLITO SILENZIO. QUELLO CHE QUI UCCIDE, DA SEMPRE.
PER "FORTUNA" CI SONO I VOLONTARI E LE PERSONE "NORMALI" CHE
OVUNQUE STANNO RACCOGLIENDO IL GRIDO SILENZIOSO DI QUESTE ANIME
CHE CHIEDONO SOLO LA POSSIBILITà DI UN DEGNO RISCATTO.
SIAMO A 18 CANI SENZA SPERANZA E 14 CON UNO SPIRAGLIO DI
SALVEZZA ANCORA INCERTA:
CANI SENZA ALCUNA RICHIESTA: INDIGENA NARCISO ZINGARO
DODO TIMOR (c'è una remota possibilità che il comune proprietario dei cani
precedenti li sposti in un buon rifugio in attesa di finire la costruzione del
proprio canile, ma ad oggi è ancora solo un'ipotesi senza fondamento reale)
PACO GIOBBE PESCO NICO CORSARO ERRY SLY YUL FUGO STRANO
BELLO IKE
CANI CON POSSIBILITà ANCORA DA DEFINIRE: TAMMY TIMMY
FULVO BINGO ARTU' ARAMIS SPINOSA NIK RUFUS DANIEL MELO
RIMMEL LAPILLO TIGRA
FACCIAMO APPELLO A TUTTI I RIFUGI!!!
A PARTE ALCUNI CANI ANCORA "ADOTTABILI" SEPPURE CON ATTENZIONE
(DODO, CORSARO, BELLO), TRA I "SENZA SPERANZA" CI SONO SOLO PIù CANI
DIFFICILI...
NON POSSIAMO LASCIARLI AL LORO DESTINO. POSSIAMO CONTINUARE A
SPACCARCI IN QUATTRO, A PORTARLI OVUNQUE CI SIA QUALCUNO CHE
VOGLIA DARE LORO UNA SPERANZA, FINCHè AVREMO FORZE ANDREMO
AVANTI.
NOI NON CI FERMEREMO, E VOI???
AIUTATECI A SALVARLI TUTTI, CE LA POSSIAMO FARE, INSIEME.
PER ADOZIONI, OFFERTE DI STALLO E STAFFETTE:
BETTY 339-1847914 (dopo le 19) info@ulmino.it
SIMONETTA 333-2229587 (prima delle 13


Timmy, Thommy e Tammy, sono pubblicati in Germania dal 7 dicembre 2010 E NON CAPISCO COSA SI INTENDA  CON POSSIBILITA' ANCORA DA DEFINIRE, MA CERTO LO CAPIRANNO IN GERMANIA
BINGO
RIMMEL
CORSARO
GIOBBE
BELLO
SLY
DODO
FUGO
ERRY
ARTU' E' IN VENDITA A 270 EURO


LAPILLO IN VENDITA A 270 EURO
MELO
ARAMIS CHE IN UN'ALTRA PUBBLICAZIONE E' DETTO QUASI CIECO, MA NON QUI ED E' IN VENDITA A 270 EURO
ARTU' E ARAMIS QUASI CIECO E LION, LIVIA, TIBET E TIBETANA, STING, LADY OSCAR IN CERCA DI CASA
E A PROPOSITO DI LADY OSCAR E TIBET E TIBETANA VORREI SAPERE SE AVETE TROVATO UN'ALTRO STALLO VISTO CHE ERA SALTATO
LADY OSCAR
TIBET E TIBETANA
E QUI SI DICE DELLO STALLO SALTATO
LA FRASE RICHIAMA L'ATTENZIONE SULL'URGENZA DI NUOVI POSTI PERCHE' DUE SONO STATI NEGATI, MA DI QUESTE DIFFICOLTA' IN ITALIA NULLA SI DICE ........LA TRISTE FAVOLA DEVE CONTINUARE.


Ringrazio Sarah May per la denuncia, sarà un'occasione perfetta per chiarire molte cose riguardo agli animali italiani mandati in Germania e ugualmente sarà un'ottima occasione d'incontro la mia querela nei suoi confronti per la solita e ormai stucchevole diffamazione praticata per screditarmi e  impedirmi di documentare una realtà che ancora è senza risposte.


Ricordo che in un'indagine praticata da CharityWatch, è stata resa pubblica la preoccupante realtà tedesca , confermata dal governo stesso, in materia di importazioni di animali:
CONTROLLI INESISTENTI. DA VALUTAZIONI EFFETTUATE, VENGONO IMPORTATI OGNI ANNO DALL’ESTERO IN GERMANIA DAI 250.000 AI 400.000 CANISEBBENE ORMAI LA PROTEZIONE ALL’ESTERO E L’IMPORTAZIONE DI ANIMALI DA PARTE DI ORGANIZZAZIONI ANIMALISTE HA RAGGIUNTO UN VOLUME NON INDIFFERENTE, NONOSTANTE IN PASSATO SI SONO DIFFUSE PERICOLOSE ZOONOSI (ATTUALMENTE L’ANEMIA INFETTIVA DEI CAVALLI), IN DIVERSE REGIONI TEDESCHE LA LEGISLAZIONE EUROPEA NON È MAI STATA APPLICATA. LE IMPORTAZIONI DI ANIMALI DA PARTE DELLE ORGANIZZAZIONI ANIMALISTE SI MUOVONO IN UN AMBITO GRIGIO, FUORI DA QUALSIASI CONTROLLO DELLE AUTORITÀ


Alma Galli
Avevo terminato ma Sarah May continua a diffamare pesantemente e io preferisco che si sappia quale problema ha nei confronti del blog per i suoi contenuti.
poi
poi
poi
poi
poi credo che il tutto sia palesemente fuori da ogni regola di minima civiltà.
Inutile ricordare il Protocollo d'intesa, i comportamenti stizziti e arroganti non lasciano spazio a nessuna realtà e a nessun documento, ma solo alla solita diffamazione e negazione dei fatti.
Io continuerò fino a che mi parrà giusto dedicare il mio tempo ad una causa tanto importante e chi non lo apprezza dovrà, suo malgrado, farsene una ragione.
Alma Galli

18 commenti:

  1. Arroganza senza confini. Se poteste leggere tutti gli appelli che girano in Germania: è da capogiro.
    Le notizie che Lei posta, signora Galli, sono pubbliche, gli animali sono della collettività!! Devono renderci conto della verità!! Le reazioni sono sempre le stesse!!Grazie alle Sue ricerche la situazione è ormai molto chiara!!
    Grazie per ciò che stà facendo Signora! Prego tutte le persone che sinora hanno ceduto animali in buona fede: svegliatevi e sterilizzate!! Non date animali fuori dal vostro territorio!!

    RispondiElimina
  2. maria elena caligiore1 febbraio 2011 15:35

    C'è per fortuna chi l'amore per gli animali lo mette in atto difendendoli da coloro che si spacciano per salvatori ed invece sono i carnefici. Grazie Alma per le tue informazioni che sono veri e propri dossier, prove non confutabili dal blaterare di chi trascorre il tempo passando da una discoteca all'altra, da chi pensa che tette e cosce in mostra ed altro possa essere utilizzato per salvare gli animali, da chi fa la finta tonta e a parole predica ma razzola molto male!
    Ribadisco ciò che ho già detto pubblicamente:
    a) mi vergogno per aver fatto parte seppure in perfetta buonafede di ASSOCIAZIONI CHE NON HANNO NULLA IN COMUNE COL MONDO DI CHI AMA GLI ANIMALI;
    b) sono pronta a firmare una denuncia contro chi considera i cani merce da mettere in vendita con prezzi dettagliati e fotografie;
    c) sarò sempre più determinata a scoprire chi effettua questi traffici coprendosi con sigle di associazioni e milantando amicizie con deputati vari e partiti politici.
    Alma non sentirti sola è una battaglia dura e diverse persone ti saremo accanto per sostenerti e dare una concreta mano in aiuto di queste creature diventate vera e propria merce per gentaglia avida e senza materia nella zucca.

    RispondiElimina
  3. che hai fatto TU per i cani di Rieti???????

    RispondiElimina
  4. Schutzgebuhr in tedesco NON significa ASSOLUTAMENTE prezzo, ma costo di transazione o traslazione ( es.Viaggi,vaccini, contributi per la documentazione, ecc).
    KOSTEN e' la parola per prezzo.
    Qui si vuole vedere il male dove non c'e'.
    Che Dio benedica chi toglie i cani da un simile Inferno.

    KEVIN

    RispondiElimina
  5. Gebuehr significa tassa schutz significa protezine e quindi letteralmetne una tassa a favore della protezione. Il legislatore tedesco proprio per questo motivo, essendo un guadagno (ci pagano anche l'IVA se superano 17.500 Euro di incassi della Schutzgebuehr), ha imposto alle associazioni ed alle organizzazioni che si occupano di cedere animali, a dover avere la licenza per il COMMERCIO di vertebrati, come da Art. 11 della legge sulla protezione animale e non solo, se fanno trasporti dall'estero devono avere l'autorizzazione e comunicare alla ASL vet di destinazione l'arrivo degli animali!!! E' commercio. Punto.

    RispondiElimina
  6. Come mai tutti gli appelli di Betty vengono tradotti in tedesco e sono su forums e in una miriade di mailinglists tedesche?

    RispondiElimina
  7. Ma anche Betty ha firmato l'accordo, insieme a tutti gli altri e quindi non ditemi che non collabroano tutti. Bitte! Da buon intenditor...

    RispondiElimina
  8. Anonimo....io, ALMA GALLI, per i cani di Rieti e per tanti altri stò combattendo e sopportando di sporcarmi con gente come voi, per arrivare ad avere risposte documentate sul loro destino in Germania e questo non mi impedisce di aiutarne anche in altro modo, ma TU che vieni qui a provocare usa come faccio io nome e cognome veri e spiega perchè ne porti via a camionate e dove vanno a finire

    RispondiElimina
  9. Illegale è ciò che fà chi ci porta via i nostri animali!! Smettetela, è ora di dire basta!!
    Se ci teneste veramente vi impegnereste a campagne locali di sterilizzazione e sensibilizzazione, non ad ammucchiare e stallare cani di provenienze disparatissime per poi portarli via!!

    RispondiElimina
  10. e poi? non ti vedo a Rieti. Un blog non fa niente per i cani.

    RispondiElimina
  11. questo lo dicono i TRAFFICANTI COME TE,tranquilla che a Rieti siamo in tanti tutti i giorni e non finisce qui, gente come te ne dovrà dare di risposte e non solo in Italia....

    RispondiElimina
  12. Non possiamo nemmeno immaginare quante persone ci sono a Rieti...non bisogna esserci per forza fisicamente ...chissà quante sorprese ci saranno!Sono uno di coloro che è lungo la sponda ad aspettare , aspettando giustizia per tutto l'orrore perpetrato sotto la copertura dell'animalismo.

    RispondiElimina
  13. Un blog o una pagina internet fà informazione, te pare poco?... e meno male che c'è!!!

    RispondiElimina
  14. Ma secondo voi, una persona come la signora Galli che mette nero su bianco compreso il suo nome e cognome, può inventarsi tutto di sana pianta? Dovrebbe essere veramente fuori di testa per esporsi a denunce per diffamazione da parte di tutte le persone citate. E poi come mai l'associazione tedesca non è mai intervenuta nei confronti della signora Alma Galli? Come mai tutte queste fantomatiche denunce nei confronti della signora Galli non sono mai state rese pubbliche? Come mai si attacca soltanto offendendo e deridendo? Forse perché sotto sotto comincia a serpeggiare la paura?

    RispondiElimina
  15. Ricordatevi sempre il famoso proverbio.... chi parla in faccia non è mai traditore.. e sappiamo bene che i proverbi raramente sbagliano.

    RispondiElimina
  16. aaaahh sara_may sara_may... non conosci veramente cosa sia la vergogna...

    Chiedo ad Alma se è possibile avere un contatto privato per poter passare informazioni utili, sul blog non trovo! grazie e avanti così!
    a tutta la feccia animalara, potete minacciare, insultare, denunciare... non ci fate nessuna paura. la resa dei conti si avvicina.

    canesciolto_antitraffico

    RispondiElimina
  17. @canesciolto_antitraffico
    scrivimi: alma.galli@fastwebnet.it

    RispondiElimina
  18. Bravio canesciolto!!! Alla luce la verità!

    RispondiElimina